EUR/USD

La coppia dovrebbe mantenere un andamento positivo nell’arco della giornata e chiudere la settimana al di sopra della soglia 1,1500 ma, a prescindere dall’aumento della propensione al rischio nel mercato, un forte rialzo oltre i massimi settimanali a 1,1571 è altamente improbabile a causa delle notizie in arrivo dai mercati europei.

L’Euro ieri ha ceduto terreno a causa del rimbalzo del dollaro USA favorito dalle prese di beneficio negli asset a rischio elevato. La situazione è stata ulteriormente aggravata dai segnali ribassisti contenuti nell’aggiornamento dei verbali della BCE, secondo cui i più importanti membri del consiglio direttivo desiderano mantenere il tasso di interesse al livello attuale fino all’estate 2019 e potrebbero mantenerlo invariato ancora oltre, a seconda delle condizioni di mercato, per assicurare una convergenza sostenuta dell’inflazione a livelli inferiori, ma vicini, al 2%, alla luce dello scenario economico nell’area dell’euro. Nel frattempo, la notizia dall’eurozona secondo la quale le trattative commerciali per l’abolizione dei dazi sul mercato europeo sarebbero ancora in stallo hanno ulteriormente danneggiato il sentiment di mercato.

A parte le guerre tariffarie Cina-USA, i tentativi del presidente americano Donald Trump di migliorare le condizioni commerciali il rifiuto dell’UE di includere nelle trattative il settore agricolo per concentrarsi solo sull’apertura del mercato delle auto sta danneggiando i negoziati con gli Stati Uniti; in assenza di una soluzione in vista, ne ha risentito anche il sentiment degli investitori intorno alla valuta comune e questo ha fatto cadere la coppia al di sotto dell’1.15. La propensione al rischio, prevalente nel mercato complessivo, ha aiutato gli asset rischiosi a riprendersi dai minimi di ieri e ad ottenere un significativo vantaggio e questa mossa è stata sostenuta dai commenti del discorso del presidente della Fed Jerome Powell della scorsa notte.

La propensione al rischio è ulteriormente migliorata con l’arrivo di notizie sul mercato secondo cui il vicepresidente cinese Liu potrebbe fare visita a Washington a fine mese per ulteriori colloqui commerciali di alto livello, notizia che ha fornito un forte sostegno ai rialzisti del mercato nelle ore di mercato asiatico di oggi.

Questi elementi supportano la valenza della resistenza di breve in area 1.1580.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *